NICOLA E MARIUCCIA PREPARANO LE CARTELLATE

Il Natale è alle porte e nelle case dei pugliesi sono in arrivo le cartellate, uno dei dolci tipici più amati della tradizione: la nostra Mariuccia le ha preparate per noi con l’aiuto del piccolo Nicola

 

 

Piccoli “cestini” friabili e croccanti, fatti di pasta sfoglia arrotolata e guarniti con vincotto, con variante ai fichi oppure zucchero a velo: le cartellate sono senza dubbio uno dei dolci tipici più conosciuti e affermati della tradizione natalizia pugliese. Per questo motivo non possono proprio mancare su ogni tavola durante le feste, tanto che in Puglia ci sono addirittura diverse sagre di paese dedicate a questo dolcetto nel corso di tutto il mese di dicembre.

 

Si tratta di un prodotto tipico completamente vegano: l’impasto è il risultato della lavorazione di farina 00, olio extravergine di oliva, vino bianco bollito, sale e zucchero. Dopo circa 30 minuti, il composto si può già lavorare per ottenere le caratteristiche “roselline” di pasta. Dopo aver lasciato riposare il prodotto per una notte intera si può passare all’azione: le cartellate si friggono in abbondante olio bollente e si lasciano asciugare per pochi minuti nella carta assorbente. Per concludere la ricetta non si deve far altro che guarnire le cartellate con il vincotto.

 

L’usanza delle cartellate è molto antica e si tramanda di generazione in generazione: la consuetudine di prepararle in famiglia, seguendo la ricetta tradizionale, resiste ancora oggi nonostante il passare degli anni. Nel nostro piccolo, abbiamo provato a tramandare questa tradizione anche ai più piccoli: per farlo ci siamo affidati alla nostra Mariuccia, una che di cucina e tradizioni se ne intende, per insegnare al piccolo Nicola tutti i segreti di questa antica ricetta.

 

Mariuccia e Nicola hanno preparato insieme le cartellate divertendosi e il risultato li ha davvero soddisfatti: se volete vedere anche voi com’è andato questo pomeriggio di cucina pugliese non vi resta che guardare il nostro video sulla pagina Instagram di CoccoleBimbi.

 

 

 

No Comments Yet

Lascia un commento

Your email address will not be published.