LA CASA SULL’ALBERO: LO STORE DEL FUTURO

Diventare una delle aziende più sostenibili d’Italia: è questa la mission di Coccolebimbi, obiettivo irraggiungibile senza un’attenta scelta dei providers. Ormai è un dato di fatto che il futuro della moda sarà circolare; dal punto di vista ambientale, ridurrebbe significativamente le emissioni di gas serra, lo spreco di acqua e di risorse primarie e le condizioni lavorative potrebbero migliorare grazie all’utilizzo di sostanza non dannose per la salute. Nell’eco-brand-list di Coccolebimbi, un ruolo emblematico viene ricoperto da Gucci: nylon ottenuto dagli scarti di tappeti e reti da pesca, materiali eco..è così che la maison toscana, mette in scena, in una piccola Arcadia, la sua linea sostenibile. Una casa sull’albero costruita all’ombra dei grattacieli e del fast shopping: Jane Fonda accarezza le foglie sorridendo, David de Rothschild – tra in più noti ambientalisti contemporanei – pianta chiodi, i musicisti e cantanti Lil Nas X e King Princess sono all’opera con strumenti musicali. Tutti attivisti. Ognuno di loro in prima linea nella difesa dell’ambiente.

Un’utopia, un mondo parallelo che prende forma attorno a chi decide di vivere in armonia con l’ambiente. Ecco come Gucci, lancia la sua campagna dedicata alla produzione circolare.

<< Ho immaginato che potessimo costruire tutti insieme, un po’ come dei bambini che giocano nel parco, una casa sull’albero nel centro di una metropoli, perché tutti noi abbiamo bisogno di scoprire  il pianeta anche dove ci sembra che non ci sia >>,  spiega Alessandro Michele, creative director del brand e della campagna.  Scarpe, borse e ready to wear, tutti capi gender neutral pensati per ridurre le emissioni di carbonio e realizzati tramite processi produttivi privi di solventi e figli di una produzione totalmente circolare.  A Coccolebimbi piace immaginare, quindi, un futuro in cui, ogni brand, possa realmente costruire una propria casa sull’albero.

 

No Comments Yet

Lascia un commento

Your email address will not be published.